Blog

Marie Anne Adélaide Lenormand, più nota con il nome abbreviato Mlle Lenormand è stata un’esoterista francese, famosa cartomante. 

Al suo nome si lega un mazzo di carte divinatorie inventato nella metà dell’Ottocento, replicato in centinaia di varianti e diffuso, ancor oggi, in tutto il mondo.

Noi discepoli di Mlle Lenormand continuiamo a seguire il suo metodo di divinazione con le sue carte, con i Tarocchi e con il suo metodo di Cartomanzia che ci ha tramandato.

Tutte le cartomanti del salotto rappresentano le dame di compagnia di Mlle Lenormand e custodiscono gelosamente il suo “testamento” che è stato tramandato fino ai giorni nostri. 

Le dame, che trovate qui, sono cartomanti esperte nelle Sibille e nei Tarocchi, e potranno effettuare delle stesure complete in temi che riguardano l’amore, la fortuna, il lavoro e saranno pronte a rispondere alle vostre domande al fine di interpretare le varie situazioni che si interfacciano nella vostra vita.

Qui troverete solo persone preparate, non ciarlatane, persone che conoscono la storia, la filosofia, e la psicologia.

Perché il Salotto? 

Mlle Lenormand, partecipava ai salotti letterali dell’epoca nei quali divulgava il suo “credo”, il suo “metodo” condito dalla sua grande esperienza. Qui conobbe l’Imperatrice Giuseppina di Beauharnais e l’imperatore, Napoleone Bonaparte.

Continuò a tenere consulti nei salotti fino al giorno della sua morte, il 25 giugno 1843, all’età di 71 anni.

Ha lasciato un prezioso patrimonio rappresentato dalle sue carte, che noi dame di compagnia di mille Lenormand continueremo a trasmettere con grande gioia, amore e riconoscenza verso la nostra fondatrice Marie Anne Adélaide Lenormand.

La Cartomanzia è un metodo di divinazione effettuato tramite la consultazione di un mazzo di carte che possono essere normali carte di seme italiano o francese, Tarocchi o speciali carte illustrate, dette Sibille.
L’origine della cartomanzia, come mezzo di divinazione, è tutt’ora incerta e non ben precisata.

Nel Medioevo le carte da gioco sono state occasionalmente usate a scopo divinatorio, ma in modo differente dall’uso nella cartomanzia moderna, poiché non assegnavano alle carte alcun significato ma si limitavano ad utilizzarle come strumento di scelta casuale.

La prima menzione storica che abbiamo sui Tarocchi, datata anno 1377, ha l’intento di condannarli: un monaco tedesco, padre Johanness, sanciva il divieto di giocare a carte facendo riferimento a diversi tipi di mazzi, uno dei quali composto da 78 elementi che, guarda caso, è il numero di Arcani che compongono i Tarocchi

Era il 1718 quando un mercante d’arte di nome Alliette vide per la prima volta a Parigi un misterioso mazzo di carte e, restandone affascinato, consegnò alla storia un metodo di divinazione ad oggi conosciuto con il termine di “Cartomanzia”.

Il principio base della cartomanzia, esercitata con ogni mazzo, si basa su un motto dell’alchimia: “Come sopra così sotto”, intendendo il “sopra” come il grande universo metafisico, e il “sotto” come la realtà fisica del mondo intorno a noi.

Tale pratica si inserisce nelle cosiddette scienze occulte. L’uomo, sin dai tempi più lontani, ha concepito questo metodo per indagare il suo futuro e trovare una risposta alle domande più difficili riguardanti la propria esistenza.

Ad oggi, la pratica della cartomanzia è l’arte divinatoria più diffusa.
fino a qualche decennio fa, i Tarocchi erano collocati nelle mani di qualche zingara ambulante che, per pochi soldi, prevedeva l’avvenire ai passanti.

Al contrario, ai nostri giorni sono state riscoperte queste antiche icone e valorizzate, partendo dal significato artistico delle carte e proseguendo con un’indagine seria sui risvolti archetipici e psicologici di cui questi simboli si fanno vettori, alla luce della ricerca sull’inconscio umano e sui mondi in esso contenuti.
Questo perché i Tarocchi sono rappresentati da icone metafisiche dense di significati morali e con una forza evocativa straordinaria: per tale motivo, i cartomanti ne fecero presto i loro strumenti di adozione.

Il termine “arcano” viene usato per indicare un segreto di grande importanza.

Eliphas Levi, occultista francese vissuto nell’Ottocento, afferma che “i Tarocchi sono una vera macchina filosofica che arresta il vagabondaggio della mente lasciandole la sua iniziativa e libertà”.

consulto carta credito il salotto dei cartomanti

Cartomanzia dalla Svizzera

cartomanzia dalla svizzera ilsalottodeicartomanti